La maschera del biografo. Mughini prova a rifarsi il trucco con un libro su Svevo ma non ci riesce

4526684_0Ritrovarsi tra le mani un libro di Giampiero Mughini sorprende e incuriosisce allo stesso tempo. Non perché Mughini non sia del mestiere. Anzi, è giornalista (seppur radiato dall’Ordine nel 2007) e ha al suo attivo una ventina di pubblicazioni. Principalmente però è un celebre personaggio televisivo di programmi d’intrattenimento e come tale  è conosciuto dal grande pubblico. Insomma il Mughini celebrità del piccolo schermo gode di molta più notorietà del Mughini scrittore. Perché la fatica di scrivere un libro su un tema così particolare? Il titolo del volume è: In una città atta agli eroi e ai suicidi. Trieste e il “caso Svevo”, (Bompiani, Milano, 2011, 160 pagg. 15 euro). Un soggetto non esattamente appetibile per il pubblico televisivo che Mughini ha conquistato con innumerevoli ore di apparizioni televisive. Lo stesso autore si preoccupa delle vendite (ne prevede dieci o venti al massimo). Ma l’iniziativa gli sembra un’occasione propizia “per cacciarmi nei guai, e se uno che scrive non si caccia nei guai che razza di scrittore è?” Più che l’eresia culturale è il portafogli a preoccupare Mughini. Ma possiamo tranquillizzarlo: se la Bompiani ha deciso di pubblicarlo si è fatta bene i suoi conti, qualsiasi cosa scriva una star televisiva ha un successo di vendite assicurato. E questo Mughini lo sa bene. Si rassicuri anche il lettore: non leggerà una sola riga in cui Mughini si caccia intellettualmente nei guai. Ma nella società dello spettacolo travisare la realtà con frasi ad effetto è una trappola ben collaudata in cui molti cadono.

La vendita garantita non sembra giustificare la fatica della scrittura, anche se non deve essere stata tanta dato che il testo è: “Published by arragement with…” una agenzia letteraria di Milano. Il volume consiste in una parziale ricostruzione giornalistica della vita culturale triestina agli inizi del secolo scorso. Spezzoni biografici dell’autore della Coscienza di Zeno sono intrecciati  con rapidi ritratti di Umberto Saba, Scipio Slataper, il “dimenticato” Fabio Cusin, Renzo Rosso (giudicato da Mughini il più grande scrittore triestino del dopoguerra), il giornalista culturale Silvio Benco e altri ancora. Non mancano incursioni nel clima culturale dell’epoca (il ruolo di capitale letteraria di Firenze e il suo rapporto con gli intellettuali triestini) e incursioni nella cronaca (il rullo compressore del fascismo nei confronti della cultura slovena, gli orrori della seconda guerra mondiale).

In quanto alla vita di Svevo, Mughini nulla aggiunge di quanto già si sappia: l’ossessiva gelosia nei confronti della giovane e bella moglie, Livia Veneziani, l’amicizia con Joyce e Montale, il rapporto con la psicoanalisi e così via. Né Mughini si avventura lungo gli accidentati sentieri della critica letteraria. Dunque, a parte qualche lirismo d’antan (ad iniziare dal titolo del libro), manca proprio ciò che ha reso Mughini una gloria televisiva: la vis polemica. Oddio, Mughini ci prova: tenta una timida scaramuccia con Arbasino (poco più di mezza pagina) che in un libro del 1971 non si sbraccia per il “mercante triestino”. E sempre per la serie: travisa la realtà molti pesci abboccheranno, qua e là Mughini parla dell’Italia attuale definendo i nostri tempi “orridi”, tempi in cui sui mass-media fanno notizia gli insulti tra vip. Non contento bacchetta i cinepanettoni, i successi quantitativi di Fabio Volo e dei programmi di Bruno Vespa. Tralascia un particolare: nel suo piccolo anche lui è uno degli artefici di quest’Italia “miserevole del terzo millennio”. E allora cos’è questo libro? E’ un pretesto. Un pretesto per il personaggio Mughini di indossare un’altra maschera: quella del biografo un po’ eccentrico e (per finta) controcorrente. Evidentemente quella del commentatore sportivo non rende più come una volta. Resta in piedi la brillante operazione di marketing di un abile venditore di se stesso.

 Patrizio Paolinelli, VIAPO, inserto culturale di Conquiste del Lavoro, 2 luglio 2011.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...