Quel sistema di controllo metabolico-sociale da superare

«Oltre il capitale», di István Mészáros per Edizioni Punto Rosso

István Mészáros, classe 1930, è forse il solo allievo diretto di Lukács che non abbia ricusato la lezione del maestro, con l’ovvia ambizione di riformularla e renderla attuale. Oltre il capitale. Verso una teoria della transizione (Edizioni Punto Rosso, pp. 908, euro 40) è un lavoro monumentale, una sorta di compendio sistematico per l’analisi del capitalismo contemporaneo, un’opera, per certi aspetti, straniante, perché legata a una tradizione di analisi e di proposta filosofico-politica distante dall’impressionismo teorico dei nostri tempi.

Per questo, la scelta coraggiosa dei curatori (Nunzia Augeri e Roberto Mapelli) di presentarla nella sua completezza marmorea dev’essere apprezzata e sottolineata: del resto, se il marxismo ha l’ambizione di porsi come visione alternativa al dominio del capitale, la sua validità, in un momento che sembra decretarne la scomparsa o l’integrazione, passa da una verifica concettuale permanente, che di certo costa tempo e fatica.

Continua a leggere

Annunci

La vena sotterranea della filosofia

Essere marxisti in filosofia di Louis Althusser. Una raccolta di scritti finora inediti in Italia

La lettura dei testi inediti del «penultimo Althusser» – quello degli anni Settanta, che continua a suscitare «un’ostilità sgomenta» come sottolinea G. M. Goshgarian nella sua introduzione a Essere marxisti in filosofia (Dedalo, pp. 248, euro 18) – può riservare qualche sorpresa. Almeno a coloro che non si sono fermati ai testi canonici del filosofo francese – Pour Marx e Lire le Capital – o che, successivamente, hanno posto l’attenzione sui materiali suggestivi, per quanto frammentari, degli anni Ottanta (anch’essi in gran parte inediti all’epoca) incentrati sulla corrente sotterranea del materialismo dell’incontro interpretandoli come l’ennesima rottura o radicale autocritica del pensiero althusseriano.

Continua a leggere