Anschluss, quando l’Austria diventò nazista

Vienna, 1938, Hitler in Heldenplatz, Discorso sull’Anschluss,

L’annessione del paese al regime di Hitler compie ottant’anni. Un progetto video di 24 ore a Vienna ricorda quei tragici giorni

Vienna Heldenplatz, piazza degli Eroi. È qui che si celebrò l’annessione, l’Anschluss dell’Austria alla Germania nazista esattamente ottant’anni fa, tra folle esultanti che accolsero Hitler il 15 marzo 1938, tappa fondamentale per l’invasione di mezza Europa. Una ricorrenza che cade mentre la Mitteleuropa vira a destra dimenticando le tragedie del suo passato, con un partito nato come recinto di raccolta degli ex nazisti, la Fpoe, al governo in Austria. Continua a leggere

Annunci

Céline antisemita resta nel cassetto. Almeno in Europa

Louis-Ferdinand Céline, a Meudon nel secondo dopoguerra

Polemiche letterarie. La storia dei pamphlet dell’autore di «Voyage au bout de la nuit» al termine della notte, che Gallimard ha preferito non pubblicare più, ma che in Canada e in Paraguay sono usciti. Si tratta di «Bagatelles pour un massacre» (1937), «L’Ecole des cadavres» (1938) e «Les Beaux Draps» (1941). I testi circolano su internet fomentando la propaganda di estrema destra e alcuni intellettuali sostengono che andrebbero editati con un apparato critico

PARIGI. L’editore Gallimard ha «sospeso» la pubblicazione di tre testi di Louis-Ferdinand Céline (1894-1961), ferocemente antisemiti e pro-nazisti. Con un comunicato, Antoine Gallimard ha chiuso temporaneamente la polemica che dura da un mese in Francia, attorno alla riedizione di Bagatelles pour un massacre (1937), L’Ecole des cadavres (1938) e Les Beaux Draps (1941), che era stata prevista per il prossimo maggio. Continua a leggere